All’interno del miliardi di dollari di battaglia .org

0
17

All’interno del miliardi di dollari di battaglia .orgRarely è il regno di indirizzi internet, noto come nomi di dominio agitate e tanta passione.New York Times|Aggiornato: gennaio 13, 2020, 06.18 SONO IST0Comments
ThinkStock Fotodot-org è la patria di grandi organizzazioni non profit e organizzazioni non governative, come le Nazioni Unite (un.org) e NPR (npr.org).Da Steve Lohr

Due mesi fa, l’Ethos di Capitali, una società di private equity, ha annunciato l’intenzione di acquistare i diritti per un tratto di internet immobiliare per più di $1 miliardo.

Ma non era solo un pezzo di digital proprietà. Era dot-org, il cyber quartiere che ospita grandi organizzazioni non profit e organizzazioni non governative, come le Nazioni Unite (un.org) e NPR (npr.org), e per i piccoli come club quartiere.

L’accordo è stato accolto con un feroce gioco. I critici sostengono che un meno commerciale, angolo internet non dovrebbe essere controllato da un profitto di private equity, come una questione di principio e di pratica. Online petizioni e lettere di preoccupazione è venuto da centinaia di organizzazioni, migliaia di persone e quattro Democratici al Congresso, tra cui il Sen. del Massachusetts Elizabeth Warren.

Raramente è l’acronimo cosparso di regno di indirizzi internet, i cosiddetti nomi di dominio agitate e tanta passione.

Ora, un gruppo di stimati pionieri di internet e del non profit leader offre un’alternativa all’Ethos Capitale di offerta: senza scopo di lucro, cooperative corporation. La carta di incorporazione per la nuova entità, la Cooperativa Corp. di .ORG Dichiaranti, sono state depositate questa settimana in California.

L’obiettivo del gruppo non è solo per convincere Internet Corp. for Assigned Names and Numbers, che sovrintende i nomi di dominio internet, per fermare la vendita. È anche per convincere ICANN per mano la gestione del dot-org, invece.

“Questa è un’alternativa migliore,” ha detto Esther Dyson, che ha servito come il primo presidente di ICANN, dal 1998 al 2000, ed è uno dei sette consiglieri della nuova cooperativa. “Se sei di proprietà private equity, l’incentivo è di realizzare un profitto. Il nostro stimolo è quello di servire e proteggere le organizzazioni non profit e pubblico”.

Dal 2003, dot-org è stato eseguito dall’Interesse Pubblico del Registro di sistema, che è controllata da Internet Society, un’organizzazione no profit che aiuta a sviluppare gli standard di internet, programmi di educazione e politica. Il registro contiene un contratto per gestire la dot-org, rinnovata lo scorso anno per più di 10 anni. Con una vendita di Ethos di Capitale, la Società Internet di ottenere una dotazione di finanziare le proprie operazioni e delle attività di gestione di dot-org.

Nell’acquisto di un Interesse Pubblico Registro, l’Ethos del Capitale acquisire i diritti per eseguire dot-org e raccogliere le tasse annuali da quasi 10,5 milioni registrati dot-org nomi, tenuta da entrambe le organizzazioni non profit e del nome di dominio speculatori. Quelle tasse annuali sono $10 a $20, in media, ma può essere di gran lunga superiori, per grandi siti acquistare diversi nomi per proteggere il loro marchio e ottenere servizi a valore aggiunto, come la sicurezza contro gli attacchi online.

Gli avversari del private equity, in vendita, ha detto che temeva che per fare un interessante profitto sul suo costoso affare, Ethos Capitale sarebbe di aumentare i prezzi, tagliare le spese, risparmiare sul servizio — e più probabilità di vendere i dati degli utenti.

Ethos di Capitale ha detto che quelle preoccupazioni erano infondate.

In un post sul blog nel mese di dicembre, Erik Brooks, socio fondatore, ha detto che “dobbiamo capire che il cambiamento porta incertezza e preoccupazione”, che si è riflessa in “allarmistiche dichiarazioni.”

Ethos Capitale, Brooks ha detto, vuole investire in dot-org “per la reputazione della piattaforma e dei valori che esso rappresenta sul mercato”. Ha detto che la sua azienda, progettò di costruire su quel bene.

Grandi aumenti di prezzo sono stati una delle principali preoccupazioni per i critici dell’affare. Quando ICANN ha rinnovato il contratto di 10 anni con l’Interesse Pubblico Registro dello scorso anno, ha rimosso un “price cap” che ha limitato gli aumenti di prezzo del 10% di un anno al massimo. Che mossa era parte di un più ampio delle politiche ICANN per facilitare il controllo dei prezzi in tutti i domini internet.

Ethos Capitale si è impegnato a rispettare il massimale del 10%, anche se non avrebbe alcun obbligo contrattuale di fare così. Nel post di blog, la società di private equity ha detto che prevede di investire in nuovi servizi e bloccare lo spam, attacchi di sicurezza e di altre forme di abuso lanciato da alcuni illeciti dot-org domini.

Alcune organizzazioni non profit preoccupazione che qualsiasi sforzo di pulizia può comportare la censura, anche se involontariamente. Come il proprietario del registro di sistema per dot-org, l’Ethos del Capitale di gestire il business accettabili pratiche e comportamenti per dot-org domini. La stessa libertà di aprire le porte a gruppi estremisti in alcuni dot-org siti, senza scopo di lucro i dirigenti dicono che, anche aiutare a proteggere la libertà di parola e di interesse pubblico di dot-org siti in paesi in via di sviluppo con i governi autoritari.

Ethos di Capitale ha detto che non avrebbe mai facilitare la censura. Ha anche promesso di creare un sistema indipendente “stewardship council” per monitorare la gestione del dot-org rete.

Dal momento che l’affare è stato annunciato, Brooks e dirigenti della Società di Internet e l’Interesse Pubblico del Registro di sistema, ho parlato con gli scettici in persona, in sessioni web e su chiamate in conferenza, cercando di rassicurarli che il dot-org vorresti essere in mani sicure. E martedì, hanno presentato una dettagliata risposta alle domande sollevate dai quattro membri del Congresso.

Ma se la fiducia campagna ha fatto progressi, è incerto. Amy Campione Ward, direttore esecutivo di DICE, un’organizzazione no profit che aiuta altri enti non-profit con la tecnologia, non è convinto.

“Internet è stato pensato per essere questa forza democratica di tutto il mondo, e il non profit farlo” Campione Ward ha detto. Invece, ha detto, l’Ethos sociale è una creatura del “capitalista basato su internet industriale complessa”.

Per l’Ethos di Capitale tassi di successo, di ICANN deve dare la sua approvazione. Nel mese di dicembre, ha inviato una richiesta di ulteriori informazioni in merito alla proposta di transazione. ICANN non ha indicato i tempi di una decisione, ma è previsto all’inizio di quest’anno.

La neonata cooperativa gruppo spera si può tenere dot-org di for-profit economia. “C’è un bene comune che è a rischio di essere minata,” ha detto William Woodcock, direttore della cooperativa, che è il direttore esecutivo del Pacchetto Clearing House, un’organizzazione no profit che fornisce internet di supporto operativo per i domini.

La cooperativa corporation, che sarebbe dot-org, raccogliere le tasse e distribuire risparmio di nuovo il no-profit per gli utenti, è un “modello alternativo con un impegno a lungo termine per la aprire e non commerciale di internet,” ha detto Katherine Maher, un regista che è il capo esecutivo della Wikimedia Foundation, l’organizzazione no profit padre di Wikipedia.

“Ci sono alcune cose che funzionano meglio fini di lucro, e che è OK”, ha detto.